"Equal sport for all", al Cus Padova il meeting europeo per combattere l’esclusione dallo sport di persone affette da obesità e portatrici di disabilità

Operativo il progetto finanziato dall’UE: gli impianti universitari di via Corrado hanno ospitato l’incontro con i delegati di 9 università e associazioni del continente

 

Con il kick off meeting, che si è svolto ad Atene lo scorso 24 aprile, si sono ufficialmente aperti i lavori per il progetto Equal Sport For All (ESFA). Il progetto, che vede tra i suoi partner il Cus Padova, è coordinato dall’Università di Patrasso ed è stato finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del Programma Erasmus+ per l'istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport. Proprio il Cus in questi giorni ha ospitato negli impianti universitari di via Corrado il secondo incontro al quale hanno partecipato nove partner del continente che, fino a dicembre 2019, saranno impegnati nel comune obiettivo di combattere l’esclusione dallo sport di persone con esigenze speciali, in particolare i giovani affetti da obesità e portatori di disabilità.

Il meeting ha coinvolto i delegati dell’Università di Patrasso, Grecia (project leader); dell’Università di Shumen, Bulgaria; della Rijeka sports association for persons with disabilities, Croazia; dell’Università “Gabriele D'Annunzio” di Chieti-Pescara; dell’HEAT - Health Exercise and Activity Therapy, Regno Unito; dell’Association of Disabled Persons HALCYON, Grecia; dell’UCAM - Universidad Catolica San Antonio de Murcia, Spagna, e del CUS Palermo, oltre ovviamente al Cus Padova, con il presidente Francesco Uguagliati, il segretario generale Marisa Galuppo, la dottoressa Marta Gravina, coordinatrice dei progetti europei,  e la dottoressa Valentina Bullo, ricercatrice del Dipartimento di Medicina dell'Università di Padova.

Il progetto in questa fase prevede lo sviluppo e la sperimentazione di un programma di intervento che possa poi essere diffuso e utilizzato nelle associazioni sportive europee per l’allenamento di studenti obesi e disabili in specifici sport di base. Obiettivi specifici del progetto:

1. Creare una Rete Europea tra Università, Federazioni sportive nazionali, organizzazioni, club sportivi di atletica, giovani atleti e l'Associazione europea di atletica leggera sul tema dell’inclusione nello sport di giovani atleti con esigenze speciali.

2. Sviluppare, implementare, valutare e diffondere un programma di intervento, composto da sessioni di apprendimento esperienziale e un corso di formazione on-line, che i club europei di atletica possano utilizzare per l’allenamento di studenti affetti da obesità e portatori di disabilità in specifici sport di base.

3. Fornire una revisione globale delle linee guida e della ricerca già esistenti in materia di inclusione nello sport degli studenti con esigenze particolari, che al termine del progetto saranno rese pubblicamente disponibili sul sito web del progetto.

4. Comunicare i risultati del progetto attraverso diversi canali, al fine di informare le politiche locali, regionali, nazionali ed europee sul tema dello sport per tutti.

 

Nella foto i rappresentanti dei 9 partner europei presenti al meeting padovan