Il Cus impegna i campioni d'Italia ma si ferma

Hockey prato, nelle finali under 14 ospitate in via Corrado quarte le ragazze di casa, titolo al Riva

 

Sulla carta era un turno favorevole alla concorrenza e tale si è confermato. In casa dei neocampioni d’Italia del Bra, il Cus Padova lotta e si fa valere, ma alla fine è costretto ad arrendersi, cedendo per 3-2. Il tutto mentre la rivale diretta Cus Pisa batte per 3-0 la Fincantieri, con l’Adige invece travolto 1-5 dal Bonomi. E così, a due giornate dal termine del campionato di A/1 di hockey su prato, la formazione patavina si ritrova in zona retrocessione, con 16 punti, appena sotto all’Adige, virtualmente salvo a 17, e al Pisa, a 18.

In Piemonte, il Bra si porta sul 2-0 e poi sul 3, incassando il 3-2 al 30’ della ripresa (gol amaranto-oro di Singh e Valentino). «Abbiamo avuto anche due occasioni nitide per pareggiare, anche se va riconosciuta al Bra la sua superiorità» il commento di coach Mirko Faggian. «Purtroppo stiamo pagando i tanti infortuni, speriamo di recuperare qualche elemento per la volata finale».

Il Cus Padova: Melai, Franzoia, Lion, Cappellaro, Viscolani, Menegatti, Maistrello, Lunetta, Santinello, Valentino, Naddeo, Corrado, Devreker, Tognon, Singh. All. Faggian.

Nel week end gli impianti universitari di via Corrado hanno invece ospitato le finali nazionali under 14 femminili. A conquistare il titolo il Riva (nella foto), che nella gara che assegnava lo scudetto ha piegato per 2-0 il Lorenzoni. Quarto posto per il Cus Padova che organizzava il torneo: nel suo cammino il ko iniziale per 1-3 con il Lorenzoni e i successi per 3-2 sulla Capitolina e per 6-4 sul Pisa. La finale per il terzo posto ha quindi visto le padrone di casa superate 3-10 dal Cus Torino.