La carica dei tremila: riparte la stagione agonistica del Cus Antenore Energia

Il Rettore ha ricevuto al Bo gli atleti delle 15 sezioni sportive, pronti a ricominciare i loro campionati. Premiati gli atleti che hanno partecipato ai CNU e gli azzurri dei Mondiali di triathlon

 

Alcuni di loro hanno portato in alto i colori del Cus e dell’Università degli studi di Padova ai CNU. Altri, molti altri, sono pronti a rituffarsi nei rispettivi campionati agonistici. Sono circa mille gli atleti che vestiranno la maglia del Cus Antenore Energia nella stagione che sta per ripartire, frequentando gli impianti universitari di via Corrado e di via Giordano Bruno, a cui aggiungere i 1.900 studenti che ogni anno sono impegnati nei Ludi del Bo e nei corsi loro dedicati.

La storica polisportiva è pronta a tornare in campo con le sue 15 sezioni agonistiche (atletica leggera, basket, basket in carrozzina, ciclismo, hockey prato, judo, lotta grecoromana, rugby, scherma, sci, tennis, triathlon, ultimate frisbee e volley, a cui in questa stagione si aggiungerà la neonata sezione del tennistavolo) e per augurare il suo in bocca al lupo il Magnifico Rettore Rosario Rizzuto lunedì sera ha ricevuto una delegazione di atleti nel Cortile Nuovo di Palazzo del Bo, affiancato da Francesco Uguagliati, Presidente del Cus Padova, Filippo Agostini, Amministratore delegato di Antenore Energia, e Diego Bonavina, Assessore allo sport del Comune di Padova.

«Il Cus Padova è una parte importantissima dell’Università: è la casa sportiva dei nostri studenti e di tutto il nostro personale. Attraverso il Cus Padova siamo parte della nostra città e della nostra comunità: grazie a questa realtà riusciamo infatti a permettere non solo a voi atleti, ma anche ai comuni cittadini di approcciarsi allo sport. Come Università, impegnandoci per far diventare sempre più grande il Cus, svolgiamo una parte importante del nostro compito. Ed è bello essere qui a festeggiare chi, facendo sport, ha ottenuto grandi risultati»», le parole del Rettore, che ha dato il benvenuto ai presenti augurando loro di vivere «una bella stagione di attività». Il Presidente Uguagliati ha invece ricordato come il «Cus sia la più grande polisportiva presente in Veneto, una grande famiglia arrivata a contare 15 sezioni agonistiche. In particolare, ci rende orgogliosi il fatto di poter vantare l’unica sezione universitaria di basket in carrozzina in Italia. Il nostro obiettivo è quello di portare sempre più studenti a fare attività sportiva, sostenendo al contempo i dipendenti universitari. Abbiamo chiesto la possibilità di creare un’aula studio negli impianti del Piovego», ha concluso il suo intervento Uguagliati, «per attirare gli studenti padovani e quelli in Erasmus nelle nostre strutture. Il mio auspicio è che ci sia un legame sempre più forte tra il Cus e l’Università».

Nell’occasione il Rettore ha anche premiato gli atleti saliti sul podio ai Campionati Nazionali Universitari estivi, che hanno regalato 16 medaglie alla spedizione del Cus Padova (4 ori, 5 argenti, 7 bronzi). 12 sono arrivate dall’atletica, a Isernia, così suddivise: oro per Enrico Brazzale (800 metri, 1’49”36), Matteo Miani (asta, 4.90) e Rebecca Lonedo (5.000, 17’25”11); argento per Martina Favaretto (100, 12”10), Irene Vian (800, 2’10”83), Alessia Beneduce (martello, 55.44), Francesca Bianco (lungo, 6.04); bronzo per Francesco Battistello (triplo, 15.09), Federico Biancoli (asta, 4.60), Matteo Miani (alto, 1.97), Irene Vian (1500, 4’32”67) e per Martina Favaretto, Elena Marini, Francesca Bianco, Marta Ronconi (4x100, 48”10). Due sono arrivata dal ring, con l’argento nel pugilato di Lara Luise e il bronzo di Matilde Bicciato. Una dal judo, con il bronzo di Erika Maccari, infine, Mattia Busato ha conquistato la medaglia d’oro nel karate.

Al Bo c’è stata poi la passerella degli atleti azzurri che hanno partecipato ai Mondiali universitari di triathlon ospitati a inizio settembre a Kalmar, piccola cittadina del centro della Svezia: sul palco sono stati chiamati Giulio Soldati, 7° classificato, Nicola Azzano, 9°, e Federico Spinazzè, 21°.

Con l’occasione è stata inoltre presentata l’attività dell’ARCS, il gruppo sportivo ricreativo dei dipendenti Universitari, con cui esiste da tempo un rapporto di collaborazione: sul palco è salito il presidente Nicola Volpe.

 

Nelle foto (di Marco Basso) alcuni momenti della cerimonia

 

Social image: